fisiologico radiologico gorle

IGIENE E PROFILASSI

igiene dentale

Abituarsi fin da piccoli alla corretta igiene orale è essenziale per conservare e preservare negli anni la buona salute dei denti.
Scrupolosi controlli dal dentista, con una frequenza di almeno 6 mesi, aiutano a prevenire e monitorare eventuali patologie delle gengive e dei denti. La quotidiana formazione di placca batterica è rimovibile attraverso l’igiene orale domiciliare, avvalendosi eventualmente degli appositi rilevatori di placca reperibili in farmacia, i quali colorano i denti in prossimità degli accumuli di placca stessa.
I denti vanno puliti con cura più volte al giorno, usando spazzolino e dentifricio al fluoro. Per pulire le zone interdentali è necessario usare l’apposito filo interdentale o lo scovolino. La placca non rimossa si trasforma in tartaro, che è un insieme di placca, cibo, batteri, saliva e minerali, che si attaccano ai denti e cominciano a rovinarli.
 Il tartaro può essere eliminato solo nello studio dentistico da parte di personale qualificato, l’igienista dentale, attraverso l’impiego di specifici macchinari e strumenti.  Il tartaro non rimosso rischia infatti  di favorire la formazione della carie.
La quantità e tempistica di formazione del tartaro è differente in ogni paziente e dipende da diverse cause:
elenco dalla mineralizzazione della saliva
elenco dal tipo di dieta (the, caffè, dolci)
elenco dall’igiene domiciliare
elenco dalle abitudini sociali (fumatori o no)

Nel campo odontoiatrico, l’igienista dentale è una figura tecnica che può esercitare la professione autonomamente oppure alle dipendenze di un medico odontoiatra ed è responsabile della salute orale del paziente. L’igienista dentale non svolge un semplice ruolo estetico e non si limita a migliorare l’autostima per il paziente, perché dal suo corretto operato dipende la salute sistemica della bocca del paziente. La “pulizia dei denti”, ossia il trattamento di igiene orale professionale, serve alla rimozione di placca e tartaro, che sono i principali nemici della bocca. Il semplice spazzolino non è sufficiente a pulire e igienizzare correttamente la superficie dei denti al di sopra della gengiva e non è in grado di togliere il tartaro localizzato sotto la gengiva e nei punti difficili, dove è maggiore il rischio di patologie come la gengivite e la parodontite.